IO COMANDANTE DI WAGNER - UNA TESTIMONIANZA UNICA SULL'ARMATA SEGRETA DI PUTIN di GABIDULLIN MARAT

9791280229571

IO COMANDANTE DI WAGNER - UNA TESTIMONIANZA UNICA SULL'ARMATA SEGRETA DI PUTIN di GABIDULLIN MARAT

18,90 €
Disponibile
Quantità

Ean 9791280229571
TitoloIO COMANDANTE DI WAGNER - UNA TESTIMONIANZA UNICA SULL'ARMATA SEGRETA DI PUTIN
AutoreGABIDULLIN MARAT
EditoreLIBRERIA PIENOGIORNO
Data pubblicazione11/05/2022
Per la prima volta un ex comandante del gruppo Wagner racconta fatti (e misfatti) delle guerre di Putin. Hanno tentato di non farci leggere questo libro. Nel 2020, un piccolo ma coraggioso editore siberiano annuncia la pubblicazione della prima testimonianza non anonima dall'interno del Gruppo Wagner, considerato l'armata segreta di Vladimir Putin. Ma il giorno dopo aver parlato del libro in un'intervista, l'autore, Marat Gabidullin, un ex comandante della milizia, riceve minacce tali da costringerlo ad annullare il progetto. Ora questa preziosissima testimonianza di un soldato dell'ombra viene finalmente alla luce. Gabidullin non è un pentito. Non è un delatore, dilaniato dalla propria coscienza. No. Marat è un soldato. Un homo sovieticus che si porta nelle viscere tutte le forme di schizofrenia che albergano nell'uomo russo contemporaneo. Orgoglioso di aver fatto parte delle forze aeree dell'esercito regolare del suo Paese. Orgoglioso di aver combattuto l'Isis in Siria come mercenario di Wagner. Eppure, Marat è a disagio nell'ammettere di aver servito un esercito ombra illegale, oggi sotto i riflettori, accusato di aver commesso i peggiori abusi, stupri, torture e omicidi contro le popolazioni civili nei Paesi in cui è sceso in campo. Dalla Siria alla Repubblica Centrafricana. Dalla Libia all'Ucraina. Questo racconto nasce dalle contraddizioni che ossessionano il suo autore. È una storia profondamente russa, la storia di una rottura e di una redenzione. L'avventura di un soldato di ventura al servizio di un esercito che ufficialmente non esiste. È per esistere che Marat ha deciso di scrivere. Inscrivendo nel marmo una storia finora soppressa dalle autorità del suo Paese. La verità, una parola molto impegnativa, è la ragion d'essere di questa narrazione in prima persona. «Nemico del popolo è il termine ora in voga per marchiare chiunque osi dire ciò che gli uni preferiscono tacere e gli altri non vogliono riconoscere. Temo per la mia vita e la mia libertà? Chi vivrà vedrà».